Civita di Bagnoregio, la città che muore

Definito Il “paese che muore”, “la città che muore” Civita, frazione della piccola frazione del Comune di Bagnoregio, nell’alto Lazio, in provincia di Viterbo, è considerato uno dei borghi più interessanti d’Italia.

Civita di Bagnoregio panorama
Civita di Bagnoregio panorama

I turisti che visitano Civita di Bagnoregio

Sembrerà strano, ma girovagando per le vie di Civita, si incontrano più turisti giapponesi che italiani, questo perché il regista Miyazaki ha immortalato l’incantevole cittadina in un suo film d’animazione e i cittadini del Sol Levante l’hanno subito adorata. 

Civita di Bagnoregio e la valle dei calanchi

Civita di Bagnoregio sorge su una roccia tufacea che si sta sgretolando rapidamente (c’è chi sostiene di 7 centimetri l’anno) e si trova al centro della Valle dei Calanchi, in quella che un tempo era la via d’accesso che, dalla valle del Tevere, portava al Lago di Bolsena.

Cosa vedo a Civita di Bagnoregio

Di origine etrusca, Civita di Bagnoregio conserva oggi il fascino del periodo medievale e rinascimentale dei suoi edifici.

Anticamente dotata di cinque porte d’accesso, oggi l’unico modo per entrare a Civita è quello di percorrere il lungo viadotto che dalla collina conduce a Porta Santa Maria. L’accesso a Civita è a pagamento.   Suggestiva la statua che all’inizio del viadotto saluta Civita dall’altro lato della profonda valle.

Civita di Bagnoregio, i calanchi
Civita di Bagnoregio, i calanchi

All’esterno di Porta Santa Maria si ammirano splendide decorazioni di leoni che schiacciano figure umane, sono il simbolo degli abitanti di Bagnoregio che schiacciano i tiranni. 

Dentro le mura le abitazioni di epoca medievale abbracciano gli stretti vicoli che si inerpicano sul colle. Qui si possono vedere le dimore delle storiche famiglie locali: i Colesanti, i Bocca e gli Alemanni. in particolare, Palazzo degli Alemanni ospita il Museo geologico e delle frane.

Il video di Civita di Bagnoregio

Dentro le mura di Civita di Bagnoregio

Civita ruota attorno a Piazza san Donato, dove sorge la chiesa principale, rarissimo esempio di architettura cinquecentesca viterbese, che custodisce un crocifisso in legno di scuola fiamminga, risalente alla fine del XVI secolo.

Uno dei punti più spettacolari del centro di Civita è il Belvedere, si tratta di una  piazzetta affacciata direttamente sullo strapiombo dei calanchi a Nord del paese, da qui il panorama sulla valle è sublime.

Dal tunnel scavato nella roccia e noto come “Bucaione” si può raggiungere la valle dei calanchi. Il centro di Civita ospita alcuni locali tipici dove assaggiare la cucina locale.

Come raggiungo Civita di Bagnoregio

Dall’Autostrada A1, Milano-Napoli, uscita Orvieto, quindi seguire la strada provinciale 12 e la Sp6 fino a destinazione. Raggiunta Bagnoregio, si parcheggia l’auto in via Bonaventura Tecchi  e si prosegue a piedi fino all’inizio del viadotto. Le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di Orvieto e Viterbo, da dove si possono prendere gli autobus delle linee COTRAL con destinazione Bagnoregio