Orgosolo, Sardegna dipinta

Orgosolo è il paese simbolo del Supramonte. Siamo nella “Barbagia di Ollolai” nel cuore della provincia di Nuoro, in un luogo divenuto magico per la bellezza dei suoi oltre 400 Murales sparsi per le vie del centro cittadino.

Anche se non è sempre stato così. In tempi passati, questa località aveva ben altra fama: questo angolo dell’isola era noto per fatti di cronaca legati al banditismo, a faide, all’Anonima Sequestri. Oggi di tutto questo non resta nulla.

E parafrasando il titolo di un film (girato proprio in questa località – la pellicola è “Banditi a Orgosolo” del 1961, diretto da Vittorio De Seta) ci siamo concessi questa gita nella zona interna della Sardegna per ammirare i famosi Murales che ornano moltissime case.

Passeggiando se ne incontrano di diversi tipi e dimensioni. Ci sono dipinti a sfondo politico, quelli ironici, quelli che descrivono la Sardegna. Insomma, chi più ne ha …

Si perde una giornata intera ad ammirarli tutti ma ne vale la pena. Su e giù per le vie e le viuzze cittadine, magari avendo la fortuna di incontrare qualche abitante, come è capitato a noi, che ti spiega quali sono gli imperdibili e quali conviene “dare uno sguardo di sfuggita” ma sono pareri del tutto personali.

Di certo, passo dopo passo, o meglio, murales dopo murales, si resta a bocca aperta davanti alla bravura degli artisti che li hanno dipinti e alla fantasia creativa che li ha ispirati.

Orgosolo, uno dei murales

Questa tradizione è nata nel 1969 per opera del gruppo Dioniso, un collettivo di anarchici milanesi, seguita nel 1975, da un insegnante, e dai suoi alunni, che per il trentennale della Liberazione dal nazifascismo, realizzarono una dozzina di dipinti lungo il Corso Repubblica. Seguirono altri gruppi esterni ala scuola e quello di diversi artisti che crearono sui muri delle case dipinti tematici legati alla popolazione locale e alla Sardegna, racconti storici italiani ed internazionali.

Val la pena lasciare un giorno le affollate spiagge per visitare l’entroterra dell’isola ed ammirare la bellezza del paesaggio che circonda Orgosolo. Aspro e unico, a volte impervio e inaccessibile, rifugio di banditi e pastori. A volte estasiante davanti alla ruvidità delle montagne modellate dal processo carsico, davanti alle sue profonde gole, alle grotte e agli anfratti.

Questa volta siamo venuti qui per godere dei fantastici Murales. La prossima volta che torneremo ad Orgosolo andremo alla ricerca delle Aquile Reali che nidificano sul Monte Su Biu. Ma sarà un’altra avventura.

COME ARRIVARE Orgosolo si raggiunge da Nuoro seguendo la SS389 ex fino a Mamoiada, quindi si prosegue sulla SP 22 fino a destinazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.